lunedì, marzo 24, 2014

International Open - Il commento di Andrea Strazza

A meno di quaranta secondi dalla fine dei quarti di finale il TSC Black Rose '98 Roma conduceva 2-1 sulle Fiamme Azzurre. In quel momento Niki Napolitano segnava la rete del 2-2 contro il sottoscritto e riportava il match in equilibrio di vittorie 1-1 ma sufficiente a consegnare la vittoria alle Fiamme per maggior numero di gol fatti (10-7).

L'attesa delusione, personale e collettiva, stranamente non era nei nostri pensieri. Almeno non nell'intensità attesa.
C'era in realtà la consapevolezza di aver dato il massimo e di aver onorato questo torneo con tre formazioni.
Grazie a tutti i Black: A, B, e C; pronti per affrontare la serie D....

Ogni tanto il pensiero torna a quella rete...
A quello che poteva essere e non è stato...
A quella serie infinita di combinazioni casuali che decidono un incontro, una partita, un torneo...

"Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio;
e il naufragar m’è dolce in questo mare." (*)


Tutto poi ricomincia stamattina con l'esordio del nostro primo primavera, under 15.
È stato un momento emozionante ed è stato bello osservarlo...
Non è stato difficile rinunciare a giocare l'individuale per coltivare il nostro principale obiettivo
Quello su cui stiamo lavorando da quando siamo tornati insieme....
Grazie Valerio....
Che tu sia per il Black Rose il primo di una lunga serie di frutti (dopo tanta semina)!

Victoria Concordia Crescit
Allez Les Black!


(*) Giacomo Leopardi - L'infinito
PS: Grazie capitano! Grazie Black! Grazie a chi giocava, grazie a chi ci seguiva da casa.
PPS: Grazie Niki per la splendida partita che abbiamo disputato. Ne vorrei giocare a migliaia con questa intensità.
PPPS: Grazie alle Fiamme Azzurre per la cena post torneo. Un "terzo tempo" piacevole e gustoso....


Andrea Strazza a Fiumicino (foto di Luca Zacchi)