domenica, marzo 20, 2016

#PlaySubbuteo con i... @blackrose98roma, numero 2: Roberto Utzeri

La seconda mini intervista della serie è nientepopodimenoche quella al presidentissimo dei Black Rose, Roberto Utzeri!



Anche per lui la prima domanda riguarda il rapporto con la nostra squadra e la nostra maglia. La risposta al mio interrogare "Cosa sono per te i Black Rose e che ti aspetti da loro?" è sintetica, assieme da vero innamorato e da vero dirigente...

Il Black Rose è come il primo amore .... più che aspettarmi qualcosa, mi auguro che il Club mantenga e stabilizzi il suo "rango" all’interno del movimento.



Potremmo anche finirla con questa risposta!, ma dicci qualcosa di più su di te come giocatore e sul tuo, se c'è, passato da subbuteista.

Volentieri Luca. Io gioco di solito con un Aston Villa (maglia campione d’Europa 1982) o con il Black Rose (maglia del decennale 2007/2008), entrambe su basi EW New Generation.
Si tratta di basi essenziali per il mio tipo di gioco basato sul possesso palla ed efficaci nel "giro base" in stile subbuteistico.
In effetti in passato (anni ‘70 e primi ‘80) ho giocato a Subbuteo, sempre a livello amatoriale e di quartiere (zona Piazza Bologna) ma con buoni risultati.
Io e mio fratello Stefano – più grande di me di un paio d’anni - eravamo discretamente quotati.  Così se capita l’occasione ci gioco ancora: è sempre emozionante e divertente!


Aston Villa Campione d'Europa

Anche a te chiedo qualcosa sulla questione 'giovani' e sul futuro del movimento. Quanto ti senti impegnato a riguardo e quali credi siano le strategie giuste?

Mah, ammetto che per i giovani materialmente faccio ben poco: partecipo a consultazioni generali a livello di direttivo; sicuramente i giovani possono rappresentare il futuro di un movimento vecchio (dal punto di vista anagrafico lo è certamente) e che, per questo stesso, senza un’oculata programmazione, potrebbe estinguersi.

Ritengo sarebbe utile attuare sia a livello centrale (Federazione) che periferico (Club) un’azione di maggiore coinvolgimento di “giovani leve” utilizzando qualunque opportunità concessa (ma anche da crearsi ad hoc); in questo senso la periodica attività che il Black Rose riesce a fare nei centri commerciali - con opportune ed invoglianti partnership, vedi quella con l'Associazione Sportiva Roma - è un ottimo strumento di promozione e “sensibilizzazione” ed effettivamente qualche risultato lo ha dato.


Il Black Rose promosso in Serie A, anno 2007
Ti ringrazio Roberto, qualcosa da aggiungere?

Si, che ho un solo rimpianto circa il mio essere un Black Subbuteista! Non aver ancora giocato a Subbuteo Rugby! Ma con il Prof Strazza ci siamo ripromessi che saremo i primi nel Club a praticarlo, e prima o poi....

Subbuteo Rugby